venerdì 24 maggio 2019

Sit in 23 maggio 2019 per la professoressa Dell'Aria - sospesa


Sit in davanti alla Prefettura di Vicenza con rappresentanze di docenti e Rappresentanze Sindacali Unitarie del Comune di Vicenza per solidarizzare con la Professoressa di Storia e Lettere dell'Istituto Tecnico " Vittorio Emanuele III" di Palermo, Rosa Dell'Aria, sospesa per non aver "vigilato" sui suoi studenti relativamente ad un tema di carattere sociale, ritenuto da censurare. I docenti poi sono stati ricevuti dal Prefetto.




E con la partecipazione di una delegazione dell'A.N.P.I. - Partigiani di Vicenza



giovedì 23 maggio 2019

Lugo di Vicenza



Farley Granger e Alida Valli a Vicenza, durante le riprese del film "Senso" di Luchino Visconti, ambientato nella prima villa del celebre Architetto Palladio, Villa Godi Malinverni di Lugo di Vicenza.
Foto Vajenti




domenica 19 maggio 2019

Donne .....che hanno pagato a caro prezzo, con la loro vita, l'impegno sociale....

2019 - Mena Mangal, attivista per i diritti umani, è stata uccisa a maggio pochi giorni fa, a colpi di arma da fuoco in un agguato nella zona sud di Kabul. Mena, che si batteva per il diritto al divorzio e contro i matrimoni precoci, era una giornalista oltre che attivista per i diritti delle donne in un paese – l’Afghanistan – martoriato dalle guerre, dai talebani e dagli attentati. Ex presentatrice televisiva e consigliere culturale per la Wolesi Jirga, la Camera bassa del Parlamento, Mena Mangal è stata una sposa bambina e nel 2017 era riuscita finalmente a divorziare dopo un lungo processo...
Sono state trovate morte nella loro casa a Istanbul. Orouba Barakat, 60 anni, da sempre denunciava la violazione dei diritti umani in Siria attraverso la produzione di documenti in inglese e arabo. La figlia Halla, 22 anni, collaborava con diverse testate giornalistiche.

venerdì 10 maggio 2019

Mamma Maria pubblicata...

Mamma Maria mentre preparava la "pannetta" per il caffè...
In occasione della "Festa della mamma", il nostro giornale locale ha invitato i lettori a trasmettere una foto significativa  delle proprie mamme...
Lei aspettava ed intratteneva gli ospiti, offrendo il caffè. In dispensa mia mamma aveva diversi tipi di miscela caffè, in base alle preferenze. E prima ancora fossero entrati, chiedeva se desiderassero un caffè!
Grazie, mamma. I fuoi figli.💖

mercoledì 8 maggio 2019

Mostra "Vicenza in scena" con opere dell'incisore vicentino, del Settecento, Cristoforo Dall'Acqua

Fino al 2 giugno 2019 a Palazzo Cordellina Mostra sulla Vicenza del Settecento, con l’esposizione “Vicenza in scena. Realtà e visione nelle vedute di Cristoforo Dall’Acqua”: una città bellissima, rappresentata nelle vedute del suo più celebre “ritrattista urbano”, Cristoforo Dall’Acqua, incisore, acquafortista e bulinista. 



In due sale espositive





Collabora anche mio figlio Loris








lunedì 6 maggio 2019

Neve a maggio

Sono da ritenersi eccezionali le nevicate sotto i mille metri nel mese di maggio. Tra le ultime nevicate che si ricordino, sotto queste altitudini, c’è stata quella del 7 maggio 1957, quando la maggior parte delle regioni Centro-meridionali furono ricoperte di bianco fino ai 400 metri, mentre nel 1963 nevicò persino in pianura al Nord.
Sotto, la nevicata di questi giorni di maggio 2019.
Si notano, da casa mia, le montagne del nostro Altopiano di Asiago, imbiancate.

Buon Compleanno

Nato il 6 maggio 1912.
Auguri lassù, Papà Gino (Girolamo)

domenica 5 maggio 2019

Piove a dirotto

Piove sul giusto e piove anche sull’ingiusto; ma sul giusto di più, perché l’ingiusto gli ruba l’ombrello.
(Lord Bowen - Giudice inglese dell'Ottocento)

venerdì 3 maggio 2019

Mattino prestissimo e presto

Risveglio
Anche se piove, alternando brevi momenti di sole, il risveglio e le prime luci sono sempre belli. Incantevoli momenti, recandomi al lavoro.
I cinguettii di prima mattina e poi i rumori sempre più distinti di poche macchine, via via respirando e assaporando l'arietta cristallina. Amo questi attimi. Poi diventa quasi assordante il frastuono degli autoveicoli.

mercoledì 1 maggio 2019

Pagella scolastica di mia mamma

La pagella scolastica di mia madre che attestava la promozione dalla classe quarta alla quinta. È datata 25 luglio del 1926. Intestazione: Direzione Didattica di Zanè. Provveditorato di Venezia. Scuole di Lugo di Vicenza. Assenze zero. Il Maestro: Berengan Rosalia. Mia mamma all'epoca aveva 10 anni, essendo nata il 14 marzo 1916. La custodiva gelosamente nel suo primo cassetto del comò della camera da letto.


sabato 27 aprile 2019

Rosso e azzurro

Guardo il mio geranio al mattino, nelle ore di luce.
Tutto il cielo si attacca ai suoi occhi e viene a bere nel suo rosso.
(Fabrizio Caramagna)


giovedì 25 aprile 2019

In compagnia dei parenti nella casetta in collina


Verso i preparativi per il pranzo
Noi fratelli: Paolo, Tina, io e Patrizia
I cognati: marito, Elena ed Alessio
Davvero delizioso tutto.
Panoramica mozzafiato dalle colline.
Splendida giornata in compagnia ed immersi nella natura.
Grazie di cuore.

Segnalibri

Bello aprire un libro e, per ricordarsi da dove si è smesso di leggere il giorno prima, da quali pagine abbiamo lasciato e fissato lo sguardo, ritrovarsi un'immagine che ci rallegra. Piccole mie creazioni per beneficienza.

mercoledì 24 aprile 2019

Immagine che desta ricordi

Si sa, non è facile la vita. Occorre sempre armarsi di coraggio. Tutti hanno però delle sofferenze.
Ho ricevuto questa bella immagine, dalla signora Nives, del mio paese di gioventù, qualche settimana fa, proprio in un momento in cui la tristezza, purtroppo, stava per ....sopraggiungere....interessante però la coincidenza. Grazie al mittente.

lunedì 22 aprile 2019

Con sorella e nipote, io al centro, bella compagnia per passeggiare

Io vivo appassionatamente la mia vita. Amo i suoi cambiamenti, il suo colore, i suoi movimenti. Saper parlare, vedere, udire, camminare, avere la musica e la pittura. Tutto questo è un miracolo! Tutto questo è gioia!
(Arthur Rubinstein-Pianista polacco)

sabato 20 aprile 2019

Pace....

Può essere molto difficile ignorare una persona che ti fa agitare o soffrire. È ancora più difficile quando devi vederla o interagire con lei regolarmente. Tuttavia, imparare a prendere le distanze dalle persone negative (per poi sostituirle con gente positiva e che ti appoggia) aiuterà ad essere felice e a mantenere una buona stabilità nella vita.
Stabilire anche delle basse aspettative, può giovare. Non perdere completamente la fiducia nel genere umano, d'accordo, ma allo stesso tempo non aspettarsi che le persone siano in grado di stupire con le loro buone maniere, i loro profondi pensieri, o le loro parole. Quando si inizia a non aspettarsi troppo dagli altri, si rimarrà piacevolmente sorpresi nel momento in cui faranno qualcosa che corrisponde ai nostri standard. La chiave di tutto, è riuscire a fissare le proprie aspettative ad un livello più basso, per risultare poi meno infastiditi.
Ammiro il mio glicine che sta sbocciando per la prima volta e mi rallegra il cuore!

mercoledì 17 aprile 2019

Test su Mandala


Ho scelto un mandala come quello dell'immagine:
"Sei una persona di carattere e fedele ai tuoi impegni, lavori onestamente, non prometti non più di quanto puoi mantenere, ispiri fiducia e ti prendi cura di coloro che ti circondano. Oltre a tutte queste incredibili qualità, emani luce e positività. Le persone amano essere intorno a te perché sei spiritoso e perché hai sempre qualcosa di stimolante da dire a tutti quelli che vengono da te per un consiglio. Senza di te, la vita di molte persone sarebbe meno colorata. Ricorda questo, e sappi che hai supporto e persone su cui contare".

Mandala:
Nella tradizione religiosa buddista e induista, rappresentazione simbolica del cosmo, realizzata con intrecci di fili su telaio o con polveri di vario colore sul suolo, o dipinta su stoffa, o affrescata sulle pareti del tempio.
La simmetria e geometria tipiche del mandala sono tese a creare un sentimento di equilibrio e ordine che agisce sul caos, sul disordine interiore presente, in parte, in ognuno di noi in qualche momento della nostra vita.


Quindi, disegnare o colorare un mandala può aiutarci a ristabilire un ordine interiore. E’ un’attività di supporto nei momenti di crisi, quando ci si sente persi di fronte a troppe decisioni da prendere o, al contrario, ci si sente chiusi in uno spazio angusto e senza possibilità di scelta.
Colorare i mandala stimola il nostro potenziale creativo, infatti attiva diverse aree del cervello, sia gli aspetti logici (legati alla geometria delle forme) sia gli aspetti creativi, legati appunto all’utilizzo dei colori. L’attivazione delle varie aree cerebrali, porta ad un abbassamento dell’attività dell’amigdala (elemento del nostro encefalo direttamente coinvolta del controllo delle emozioni) e quindi ad una sensazione di rilassamento.
Colorare i mandala ci conforta, ci dà pace e ci rilassa. Anche se per poco, ci libera dalle nostre pressioni quotidiane. Ovviamente non elimina i problemi e le preoccupazioni ma consente di allontanarli, in modo sano, per un certo arco di tempo.


sabato 13 aprile 2019

Fiori ricamati e l'avvicinarsi della Pasqua

Fontana a mano da giardino con pozzo a pompa e fiori attorno (Ricamo a punto croce realizzato da mia sorella Tina su tela di lino).

La primavera è la stagione del pollice verde. Torna infatti il desiderio di coltivare nuove piante e i balconi delle case e dei palazzi si punteggiano di una infinità di colori: rosso, giallo, fucsia, rosa, verde....

Poesia di Pasqua...e tanti Auguri!

“Uscite, uscite!” dice allegro il sole,
volete stare in casa ad ammuffire?
Tra l’erba nuova olezzano le viole.
cominciano i bei rami a rinverdire.
Uscite uscite! cantano gli uccelli,
ogni nido, ogni zolla si ridesta.
la terra, il cielo, il mar son tanto belli,
e prati e colli son vestiti a festa.
Inni giocondi canta lieto il core,
e la parola del rancor si tace;
torna la Pasqua, festa dell’amore,
che ci vuoi tutti buoni e tutti in pace.

di Arpalice Cuman Pertile che è stata una poetessa, scrittrice e docente italiana, nata a Marostica-Vicenza

"Impronte di vita" di Annamaria De Rigo

Prefazione per la Raccolta di Poesie "Impronte di vita" di Annamaria De Rigo
... Con le tue parole dettate dal cuore, con la tua straripante esternazione emozionale, hai saputo entrare ancora una volta nella nostra anima.
Tanti i tuoi ricordi, impressioni, valutazioni talvolta senza remore, addirittura crude e disarmanti, a volte sottintese o appena accennate. Nelle varie fasi di questi anni, hai reso partecipi e viaggiatori pure noi e così voglio pensare che tu ti sia alleggerita almeno un po' di qualche fardello. È dolce ora abbandonarsi ai pensieri positivi, ai ricordi più teneri, alla nostalgia di un passato bello, rendendo così il presente meno annebbiato. La sensibilità è valore aggiunto. Siamo alquanto vulnerabili; credo che noi siamo il risultato della "media" delle persone positive e negative, incontrate nel quotidiano. Circondarsi allora, se possibile, come fai tu, di persone che possano arricchirci nello spirito e iniziare ad ignorare un’infinità di cose inutili, senza troppo inveire, può rivelarsi in un certo qual modo una panacea.
La felicità, anche se ti è sembrata confusa tra mille vicissitudini, non diminuirà mai con l'essere condivisa. Un abbraccio a te e a tutti coloro che, avvicinandosi ai tuoi scritti, scoprono per alcuni attimi un'essenza pura, delicata ma non fragile.
p.s. è stato piacevole ma anche molto  coinvolgente immergermi  nelle tue poesie e planare nei bozzetti illustrativi.

Arianna Marangonzin



Scrivere, per avere eventuale copia della breve raccolta di poesie, all'indirizzo email: annamaria.dalligna@libero.it
Ricordo che Annamaria, con lo pseudonimo Dall'Igna, ha scritto anche la sua narrativa di vita reale "La morte mi voleva..."