venerdì 11 settembre 2020

Saggia lettera sulla vecchiaia

 Lettera alla mia vecchiaia

"Allora, mia cara, quando invecchierai ...

Non insegnare mai niente a nessuno. Anche se sai per certo che avrai ragione. Ricorda quanto ti ha infastidito una volta. E tu stessa hai seguito il consiglio dei tuoi anziani?

Non cercare di aiutare se non ti viene chiesto. Non imporre a nessuno. Non cercare di proteggere i tuoi cari da tutte le disgrazie del mondo. Amali e basta.

Non lamentarti! Della tua salute, dei tuoi vicini, del governo, del tuo fondo pensione! Non trasformarti in una vecchia litigiosa sulla panchina all'ingresso.

Non aspettarti gratitudine dai bambini. Ricorda: non ci sono figli ingrati - ci sono genitori stupidi che si aspettano gratitudine dai loro figli.

Non dire frasi come: "Io alla tua età ...", "Ti ho dato gli anni migliori ...", "Sono più vecchia, quindi lo so meglio ..." Questo è insopportabile

Non guardarti allo specchio e non truccarti in una stanza buia. Non adulare te stessa. E cerca di sembrare il più elegante possibile. Precisamente elegante, non giovanile. Credimi, è meglio così.

Prenditi cura del tuo uomo, anche se diventa un vecchio rugoso, indifeso e scontroso. Non dimenticare che una volta era giovane, forte e allegro. Ricordati che una volta era giovane, magro, bello. E forse è l'unico che ha davvero bisogno di te adesso ...

Divertiti..... Fai quello che vuoi.
Quando riesci a farlo!

Non incolpare te stessa per niente. Qualunque cosa sia accaduta alla tua vita o alla vita dei tuoi figli, hai fatto tutto il possibile.
PRESERVA LA DIGNITÀ IN QUALSIASI SITUAZIONE!    Fino alla fine!      Fai del tuo meglio, mia cara, questo è molto importante. E ricorda, se sei ancora viva, qualcuno ha bisogno di te”.

Tradotto dal russo da Lia Liretta



Digital Art di mio fratello Paolo

Il figlio Riccardo Il figlio Enrico La moglie Elena